Oltre al sonno e alla concentrazione ci sono anche altre cose che non sono state dette a nessuno.
Giornate intere che scompaiono, e brevi attimi che diventano un’eternità.

(Peter Høeg)

lunedì 24 maggio 2010

Da lontano



C'è un sacco di gente che sta male
un sacco di gente che si lamenta
un sacco di gente che soffre eppure
non muore mai sta là Sta e la sfanga


C'è un sacco di gente che sta male
un sacco di gente che si lamenta
un sacco di gente che soffre in silenzio
muoiono soccombono l'ammazzano


C'è un sacco di gente che se ne fotte
C'è un sacco di gente che blablablà
C'è un sacco di gente che ride forte
ride di tutto anche quando non è il caso
sghignazzano come s'avessero singhiozzo


C'è un sacco di gente preoccupata assai
C'è un sacco di gente che si fa i fatti suoi
Ognuno sta appollaiato sopra il proprio pero
e tutti sputano all'in giù Però però però


Dalla terra smossa ritmato giunge il suono sordo
di stivali chiodati Da lontano vibrante e cupo
persistente s'ingrossa un presagio di schianti 


© Francesco Randazzo - 2010

Nessun commento:

Posta un commento